Biennale College – Cinema: ecco i 12 partecipanti

Il 15 ottobre

si è tenuta la presentazione dei 12 team  che hanno partecipato al primo workshop.

I 12 PROGETTI

  • Hominarius  Federico Lagna (regista, Italia) | Alice Drago (produttore, Italia)
  • Lucio è un lupo mannaro: vive come un prigioniero volontario con Pietro, il custode che l’ha addomesticato. Tutto cambia quando una prostituta di nome Aminah vuole consegnare a Lucio una chiave.
  • False Positive – Kasia Plazinska (regista, Polonia) | Kamil Skalkowski  (produttore, Polonia)
  • La vita del professionista di successo David è sconvolta da piccole e grandi apocalissi. 
  • Marwell – Benjamin Bee (regista, Gran Bretagna) | Maria Caruana Galizia(produttore, Gran Bretagna)
  • Se non hai modelli positivi a cui ispirarti, a volte devi diventare il tuo stesso modello…
  • This Is Not A Burial, It’s A Resurrection– Jeremiah Mosese(regista, Sudafrica) | Cait Pansegrow e Bongiwe Selane (produttori, Sudafrica)
  • Tra le montagne del Lesotho, popolate da pitoni e senza sbocco sul mare, un’anziana vedova si prepara a morire. Quando il suo villaggio viene minacciato da un reinsediamento forzoso, la donna trova un nuovo motivo per vivere e crea la propria leggenda rendendola eterna.
  • Lessons of Love – Chiara Campara (regista, Italia) | Tancredi Campello (produttore, Italia)
  • Yuri ha trent’anni e non ha mai avuto una compagna. È il figlio maggiore dell’unico allevatore di bestiame rimasto in uno sperduto villaggio di montagna, e non si è rassegnato alla sua vita solitaria. In breve tempo dovrà confrontarsi con nuove relazioni sentimentali e prendere decisioni importanti sul suo futuro, che non può più rimandare.
  • Replaceable – Dániel Reich(regista, Ungheria) | Balázs Lóth (produttore, Ungheria)
  • Un attore ansioso, che rifugge i conflitti umano, svolge un lavoro speciale: in circostanze fittizie ma gioiose, interpreta il ruolo del familiare di persone sconosciute. Ma dopo l’incontro con una donna del proprio passato, decide di affrontare i suoi demoni e iniziare una nuova vita.
  • The End of Love – Keren Ben Rafael (regista, Israele) | Delphine Benroubi  (produttore, Francia)
  • In principio facevano l’amore sebbene abitassero in paesi differenti, ma col passare del tempo non ci fu più tra loro intimità. Alla fine, si innamoreranno per la prima volta.
  • Where Were We? – Tetsuya Tomina (regista, Giappone) | Mina Hatanaka(produttore, Giappone)
  • Siamo visti… o non visti da te?
  • The Properties of Metals – Antonio Bigini (regista, Italia) | Claudio Giapponesi (produttore, Italia)
  • Un villaggio di montagna degli anni ’70 in Italia. Pietro, un bambino cresciuto col padre vedovo, uomo scontroso e con problemi economici, comincia a manifestare poteri misteriosi: sa piegare il metallo semplicemente toccandolo. Un parapsicologo inizia a studiarlo.
  • The Naked Woman – Allie Avital(regista, Stati Uniti) | Meghan Doherty (produttore, Stati Uniti)
  • Dopo che il padre è testimone di un misterioso crimine accaduto nel corso di una riunione di famiglia, il concetto di mascolinità di una giovane immigrata è messo alla prova. 
  • Perros – Vinko Tomicic(regista, Cile) | Alvaro Manzano (produttore, Bolivia)
  • Martin, un lustrascarpe quattordicenne di La Paz che ha sempre vissuto sulla strada, inizia a sospettare che uno dei suoi migliori clienti sia in realtà suo padre, il signor Novoa, un sarto solitario che ha come unico legame affettivo il suo cane. Martin, angosciato da questo presentimento, escogita un piano per rapire il cane.
  • Those Who Whistle After Dark – Pinar Yorgancioglu (regista, Turchia) | Sarah Seulki Oh(produttore, Corea del Sud)
  • L’incontro con uno scettico angelo appesantisce Melih, recentemente andato in pensione, con un’esistenziale presa di coscienza. Potranno lui e la sua famiglia sopravvivere insieme a questa maledizione?

 

Per leggere l’articolo completo visita: www.labiennale.org