Forse sembrava quasi impensabile, nel 2009, immaginare una piattaforma streaming come Netflix. Era impensabile trovare film o serie TV interattive. E finché non arrivò Avatar, era anche impensabile la rinascita del 3D. A guardarci oggi, dieci anni dopo, il cinema è cambiato moltissimo diventando quasi altro rispetto a quanto visto prima.

Sui social impazza la 10 years challenge, con tanto di hashtag dedicato. E con questo articolo vogliamo partecipare anche noi ma prendendo in considerazione la nostra passione più grande: il cinema. Cosa guardavamo dieci anni fa? Cosa c’era nelle sale? Sicuramente un punto di svolta, o meglio IL punto di svolta, con la maiuscola, fu senz’altro il citato Avatar di James Cameron che seppur privo di Oscar, fu una vera chiave di volta tecnica nonché il film con più incassi nella storia del cinema: 2,8 miliardi a fronte di 237 milioni di spesa. Oltre a questa colonna portante (al netto dei gusti) del cinema contemporaneo troviamo tantissimi titoli da rivedere o ancora da riscoprire.

Perché oggi, in un’epoca dove la fruizione diventa sempre più frettolosa da mordi e fuggi, non farebbe assolutamente male riguardare qualche film del decennio passato. E per chi non se ne fosse accorto o stesse facendo finta di nulla, stiamo esattamente parlando di un decennio fa. Ora via con l’ansia del tempo che passa in fretta.

 

Bastardi senza gloria, Quentin Tarantino

10 years challenge

Ne abbiamo parlato tanto e a più riprese, aggiungere altre parole a questo film è del tutto superfluo. Come sempre, Tarantino fa parlare di sé mettendo in scena un film che rivisita totalmente la storia recente. Chissà cosa accadrà con questo suo Once Upon a Time in Hollywood. E dopo essere passato per il genere western, Tarantino sfida la 10 years challenge riproponendo un film storico. Dieci anni dopo

Antichrist, Lars Von Trier

In attesa dell’uscita di The House That Jack BuiltLars Von Trier scandalizzava il mondo con il suo Antichrist. Anche qui sembra quasi fatto a posta per la 10 years challenge ma sappiamo che non è così, sebbene da Lars ci si può aspettare tutto, anche che preveda il futuro.

Amabili Resti, Peter Jackson

10 years challenge

Dopo aver fatto incetta di Oscar con la trilogia più amata del mondoPeter Jacksonriadatta al cinema un altro libro, stavolta scritto da Alice Sebold. Un thriller fantasy che racconta la caccia ad un assassino vista dagli occhi della vittima. Il film non riscosse il successo sperato, nonostante la presenza di Jackson alla regia.

The Road, John Hillcoat

Parlando sempre di adattamenti, impossibile non menzionare The Road, tratto dall’omonimo romanzo di Cormac McCarthy, autore di Non è un Paese per Vecchi. Un futuro distopico, dilaniato da non si sa bene quale catastrofe ed in cui vige la legge del più forte. Questa la cornice che abbraccia un uomo e suo figlio, disperati vagabondi alla ricerca di un sole che non c’è più. Un film straziante e nichilista come non mai.

Harry Potter e il Principe Mezzosangue, David Yates

10 years challenge

Di nuovo un adattamento, in questa 10 years challenge, impossibile da non menzionare. Stiamo parlando di una delle saghe più amate in assoluto, i libri scritti dalla britannica J.K. Rowling che vedono il mago più famoso del mondo all’azione. Con Il Principe Mezzosangue, la saga arriva al sesto film e si posiziona al terzo posto dei film più costosi della storia. Addirittura più di Avatar, tredici milioni di scarto per l’esattezza. 

Watchmen, Zack Snyder

Prosegue il sodalizio tra Snyder e gli adattamenti dei fumetti di Alan MooreWatchmene tutte le sue versioni director’s cut lo hanno reso tra i cinecomic più discussi di sempre. Chi lo ama, chi lo odia. Non lascia sicuramente indifferenti.

Una Notte Da Leoni, Todd Phillips

10 years challenge

Cambiando genere, il 2009 è anche l’anno di uno dei film comici più geniali ed irriverenti di sempre. Un film che riscosse un largo successo, tanto da diventare una trilogia e lanciare Bradley Cooper sull’olimpo di Hollywood. E ci sarebbe da fare una 10 years challenge solo per il buon Bradley Cooper e vedere quanto è cambiato (artisticamente) da Una Notte da Leoni a A Star is Born.

A Serious Man, Joel e Ethan Coen

10 years challenge

Abbiamo accennato poco fa Non è un Paese per Vecchi. Ed ecco che arrivano i fratelli Coencon un film che rientra tra i loro migliori in assoluto. L’incessante Somebody to Lovedei Jefferson Airplane scandisce la turbolenta e sfortunata vita di un professore di fisica ebreo che non riesce a trovare pace con il mondo che lo circonda.

Parnassus, Terry Gilliam

10 years challenge

>L’ultimo film che vede Heath Ledger tra gli attori principali del film. Parnassus affrontò molti problemi legati alla produzione a causa del suicidio dell’attore proprio mentre si stava girando e questo costrinse Gilliam a dover riscrivere parzialmente tutta la seconda parte.

Basta che Funzioni, Woody Allen

10 years challenge

Il 2009 è anche l’anno di Woody Allen con il suo Basta Che Funzioni. Un film molto particolare che riflette sull’esistenza di uno scienziato in pensione andato in depressione finché non incontra la sua antitesi Melody, una miss di provincia fuggita dal suo contesto per approdare a New York. E le loro vite cambieranno inesorabilmente.

 

Tra gli altri titoli che meritano una menzione speciale in questa 10 years challenge cinematografica, troviamo senza dubbio Baarìa di Tornatore e il ritorno all’horror di Sam Raimi con il suo Drag Me To Hell. L’animazione vedeva uscire Up, il film targato Pixar, e il terzo capitolo de L’Era Glaciale, prodotto dalla Dreamworks. Ultimo ma non ultimo, 500 Giorni Insieme di Marc Webb con Zoey Deschanel e Joseph Gordon-Levitt. Una commedia d’amore non convenzionale nella forma e nel contenuto.

Tra i flop troviamo invece titoli come Final Destination 3DUnderworld: la ribellione dei LycansI Love Shopping ed il sequel di Donne Darko, S. Darko. Proprio nell’anno in cui il regista del film cult con Gyllenhall tornava sul grande schermo con il suo mediocre The Box.

 

Articolo di Lascimmiapensa.com